Novità!

Scopri i sistemi di incentivazione
per la sostituzione di impianti esistenti di climatizzazione invernale
con impianti a pompa di calore!

USO INTELLIGENTE DELLE RISORSE NATURALI RINNOVABILI

La migliore energia rinnovabile è quella che non si consuma: una sfida che si porta avanti su due fronti:
– La riduzione dei consumi grazie ad edifici con sistemi di isolamento innovativi e impianti ad alta efficienza
– L’utilizzo di energie rinnovabili, ecologiche e gratuite, che riducono la dipendenza dai combustibili fossili.
Più del 75% dell’energia che la pompa di calore usa è gratuita e illimitata perché proviene dal sole, accumulata da aria, acqua e terra. Con solo il 25% di energia elettrica “spesa” si ottiene un livello ottimale di comfort estivo ed invernale.
La DIRETTIVA RES (Renewable Energy Sources) è stata approvata il 23 Aprile 2009 dal Parlamento Europeo dichiarando che il calore ambientale è riconosciuto come energia rinnovabile. Le pompe di calore utilizzano il calore contenuto in aria, acqua e terra, attingendo quindi da fonte rinnovabile.

I sistemi autonomi in pompa di calore forniscono soluzioni complete, che semplificano la progettazione l’installazione e la manutenzione, garantendo il comfort tutto l’anno:
– riscaldamento
– raffrescamento
– produzione acqua calda sanitaria
– rinnovo e purificazione dell’aria
– controllo dell’umidità

BREVE STORIA DELLA POMPA DI CALORE

La prima macchina in pompa di calore risale al 1855, a fronte di una lunga storia ha trovato un primo importante sviluppo in Giappone a partire dagli anni ’90 per poi trovare sbocco nei mercati europei, in particolare nei paesi di lingua tedesca e dell’area scandinava, fino a conoscere notevoli incrementi di crescita proprio in questi ultimi anni.

Il mercato delle pompe di calore sta vivendo un momento particolarmente favorevole, in parte legato all’evoluzione tecnologica di cui questi generatori hanno beneficiano grazie a componenti e soluzioni all’avanguardia ed in parte dovuto all’incentivazione governativa prevista per tale settore.

La tecnologia della pompa di calore si dimostrerà con tutta probabilità uno degli elementi fondamentali per il conseguimento degli obbiettivi legati al protocollo di Kioto e della Direttiva Europea “20-20-20” confermando l’attuale crescita con volumi nell’ordine delle due “cifre”.

LA TARIFFA “FLAT” PER LE ABITAZIONI DOTATE DI POMPA DI CALORE

L’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas con la Deliberazione dell’8 maggio (205/2014/R/EEL) ha previsto a partire dal 1° luglio 2014 l’introduzione in via sperimentale di una tariffa elettrica flat agevolata, D1, della quale potranno beneficiare i privati che utilizzano nell’abitazione di residenza pompe di calore elettriche come unico sistema di riscaldamento.

TARIFFA D1: UN RICONOSCIMENTO DEL CONTRIBUTO DELLE POMPE DI CALORE AL RAGGIUNGIMENTO DEI NUOVI OBBIETTIVI DELL’UNIONE EUROPEA

Con l’introduzione della tariffa D1 alla tecnologia della pompa di calore viene finalmente riconosciuto il contributo essenziale che può dare allo sviluppo delle energie rinnovabili e al raggiungimento degli obiettivi di efficienza energetica, un riconoscimento molto importante anche alla luce della recente proposta da parte dell’Unione Europea di ridurre le emissioni nocive del 40% dai livelli del 1990 entro il 2030 e di portare la quota di energia da fonti rinnovabili ad almeno il 27% del totale nel 2030.