Foto di gruppo alla Martignoni & Leardini
Intervista sulla Voce
Marchi trattati dal Gruppo Martignoni & Leardini
Martignoni & Leardini

Ora guardiamo con fiducia al 2016
Intervista ad Angelo Martignoni, presidente del Gruppo Martignoni & Leardini

ML Group con la M che sta per Martignoni e la L per Leardini. Sede centrale in via Lea Giaccaglia 28 a Rimini, zona Villaggio I Maggio. Un’azienda con la A maiuscola, cresciuta nel tempo e che nel 2012 ha festeggiato i primi 40 anni di attività. E’ la sinergia di professionalità ed esperienza di cinque diverse aziende che da anni operano nei settori della consulenza, vendita, installazione ed assistenza di impianti di riscaldamento, condizionamento, trattamento acque ed energie rinnovabili.

Insieme all’amministratore delegato del gruppo Angelo Martignoni, a suo figlio Cristian (legale rappresentante della Martignoni & Leardini nonché vicepresidente Clima System) a Giuseppe Mannino (responsabile marketing e comunicazione) e ad Andrea Cenci (responsabile amministrativo) cerchiamo di ripercorrere la storia del gruppo.

Angelo Martignoni

Signor Martignoni, cinque aziende in una: qual è il segreto del vostro gruppo?

“La prima società è partita nel 1972, la Martignoni & Leardini. Dopo diversi anni è subentrato un altro socio il sig. Franco Pesaresi, ed ecco che da un piccolo nucleo composto da 3-4 persone ha cominciato ad aumentare il personale. Al fine di diversificare le attività abbiamo pensato di creare una società di rappresentanze, la Martignoni & Leardini s.r.l., una azienda commerciale che è la Clima System s.r.l., una società di assistenza, la Clima Service s.r.l.; affiancata a quest’ultima nel 2006 la Polycalor s.r.l., società rilevata che opera nell’ambito della Pubblica Amministrazione. Così dalle poche persone che eravamo al momento della fondazione siamo arrivati alle quasi 100 di oggi. Nel 2014 abbiamo costituito la Clima Acque s.r.l. che attraverso i suoi consulenti di comprovata esperienza si occupa dell’efficienza e della qualità delle acque.

Da oltre 40 anni in attività. Il periodo più difficile, se c’è stato, è passato?

“Il momento più brutto è stato senz’altro quello che è coinciso con la crisi di questi ultimi anni, ne stiamo uscendo forse in questo momento. Abbiamo avuto 4 anni tremendi, ma nonostante tutto siamo riusciti a mantenere la struttura così com’è ed a non far uso degli ammortizzatori sociali. Sono sempre stati onorati i nostri impegni economici con fornitori e personale dipendente. Tutto questo con grande fatica e debbo dire grazie alla dedizione dei soci che nei momenti peggiori hanno saputo far fronte personalmente agli impegni finanziari. Adesso i segnali di ripresa ci sono e le nuove leve in azienda stanno crescendo”.

Cristian, dal vostro osservatorio come vedete l’evolversi della situazione?

“Questa è una società che dal 1972 è sempre stata in crescita, il numero delle persone occupate è sempre aumentato. Noi abbiamo avvertito la crisi negli anni compresi fra il 2011 e il 2014. Quelli sono stati i più pesanti. Il 2014 è stato l’anno peggiore in assoluto. Nel 2015 che va a concludersi abbiamo riportato i fatturati nei livelli di “guardia”. Le normative e le agevolazioni fiscali previste nel settore di riferimento ci hanno fornito un grosso aiuto, mi riferisco essendo il nostro core business molto legato all’edilizia, all’efficientamento energetico. In questo momento infatti il mercato è maggiormente orientato alla ristrutturazione e riqualificazione degli edifici.

Giuseppe, grandi aziende lavorano con voi…

“Il nostro gruppo così articolato ritengo costituisca una delle realtà più importanti dell’Emilia Romagna”.

Ad Andrea Cenci chiediamo qual è il rapporto con il mondo creditizio

“Noi abbiamo sempre avuto dei rating positivi, è vero che oggi gli istituti di credito stanno più attenti perché hanno selezionato la clientela. Grazie ad una gestione oculata ed un continuo controllo dei costi siamo riusciti a mantenere una gestione finanziaria equilibrata. Per istituti di credito e partners commerciali rappresentiamo un cliente di primaria importanza.

L’anno che verrà. Cristian cosa vi aspettate?

“Sicuramente il consolidamento del fatturato 2015 e la necessaria crescita. Per mantenere la struttura così com’è, non abbiamo infatti alternative: dobbiamo riportare i livelli del fatturato a valori che sostengano tutto questo. Noi siamo ottimisti da questo punto di vista perché in questi anni nonostante la crisi abbiamo continuato ad investire su personale ed attività commerciali (formazione, promozione, fiere etc.) che da sempre ci contraddistinguono. Ogni giorno investiamo il nostro tempo e le nostre risorse su tutta la filiera di riferimento: installatori termoidraulici, progettisti termotecnici, studi di progettazione architettonica. Abbiamo concentrato su queste figure la ricerca di marchi all’avanguardia e proiettati al futuro. Da questo punto di vista siamo ottimisti e auspichiamo che il 2016 sia un anno favorevole. Nel 2015, come detto, c’è stata un’inversione del trend e ora bisogna proseguire su questa strada. Ci tengo a precisare che non siamo solo una struttura commerciale, ma su ogni marchio che rappresentiamo e vendiamo curiamo particolarmente il servizio di prevendita, vendita e post vendita, che rappresentano le tre fasi per noi essenziali nei rapporti con la clientela.

Martignoni, oggi c’è questa festa speciale da celebrare…

“Sì, ogni tanto questi momenti servono proprio per rafforzare i rapporti e stare insieme serenamente. L’evento è rivolto ai nostri clienti che sono principalmente gli studi di progettazione e le imprese del nostro territorio.