Come climatizzare un ristorante o un negozio? I consigli di MLGroup per scegliere il condizionatore giusto

  • Condizionatore per ristorante o negozio: quali soluzioni scegliere?.

    La climatizzazione di un ambiente come un negozio o un ristorante rappresenta un tassello importantissimo per il successo dell’attività. In entrambi i casi, infatti, bisogna far sì che il cliente si senta a suo agio durante la permanenza nei locali e il comfort interno gioca un ruolo cruciale. In questo articolo vedremo alcune soluzioni utili per avere sempre il clima ideale e una buona qualità dell’aria interna.

Condizionatore per ristorante: le proposte di MLGroup

Quando si progetta l’impianto di climatizzazione di un ristorante bisogna tenere presente una serie di fattori, soprattutto in ragione del fatto che abbiamo a che fare con due ambienti distinti: la sala e la cucina. Partiamo dunque col dire che bisognerebbe prevedere due impianti differenti, poiché sala e cucina hanno esigenze diverse: per questo motivo, a fronte di tale complessità, la consulenza di tecnici esperti è fondamentale per trovare la soluzione più adatta.

In merito alla temperatura da tenere durante la stagione estiva, si consiglia di evitare valori inferiori ai 26°C, temperatura minima di comfort compatibile con il risparmio energetico per locali di questo tipo, e di mantenere il 50% di umidità relativa.
Durante l’inverno, invece, la temperatura dovrebbe essere intorno ai 20°C con il 40% di umidità relativa.

Ovviamente, per dimensionare correttamente l’impianto di entrambi gli ambienti (sala e cucina), bisogna tenere conto dei carichi termici – l’energia che serve per mantenere la temperatura desiderata – nei momenti di maggiore affollamento, quindi a pranzo e cena. Nel caso della cucina, in particolare, sarà necessario considerare gli apparecchi per la cottura presenti, senza dimenticare che le cappe di estrazione diminuiscono la quantità di energia che occorre all’impianto di climatizzazione.

 

La climatizzazione della sala da pranzo: quali soluzioni adottare?

Per quanto riguarda la sala, è fondamentale che gli ospiti godano del comfort adeguato durante il pranzo o la cena. Il condizionatore per ristorante, però, dovrebbe anche rispondere ad altri importanti requisiti: non interferire eccessivamente con l’estetica del locale e assicurare un buon risparmio energetico. In merito a quest’ultimo aspetto, è bene affidarsi a soluzioni dotate di tecnologia DC Inverter che, modulando continuamente la potenza del sistema in base alle necessità termiche, consente di ridurre i costi energetici rispetto a un meccanismo che prevede il continuo spegnimento/accensione del compressore.

Le unità interne, ovvero gli elementi del condizionatore che emettono il caldo o il freddo nella sala, possono essere di vario genere. Per fare alcuni esempi, possiamo avere i classici climatizzatori a parete, in genere più consigliati per i locali di piccole dimensioni, oppure sistemi a incasso a soffitto che si integrano molto bene con l’estetica dei locali: in tal caso, sarà necessario inserirli in un controsoffitto.

Per i ristoranti più ampi, magari costituiti da più piani, si può anche optare per un impianto canalizzato, dove l’aria viene riscaldata o raffrescata da un unico sistema di climatizzazione, che poi la distribuisce in tutti i punti del ristorante attraverso dei diffusori d’aria. L’impianto risulta invisibile (anche qui serve il controsoffitto), ma in genere richiede costi maggiori ed è più indicato per ristrutturazioni o nuove costruzioni.

Per i ristoranti, noi di MLGroup suggeriamo spesso i sistemi VRF (DVM S) di Samsung, una soluzione altamente efficiente e flessibile, che assicura un minor spreco di energia e ottime prestazioni. Per quanto riguarda le unità interne, Samsung mette a disposizione diverse proposte: fra le più “gettonate” ci sono i sistemi a cassetta, che consentono di integrare perfettamente il condizionatore con l’ambiente del ristorante, senza alterarne eleganza e design.

 

L’importanza del ricambio d’aria

Sia in cucina che in sala è importantissimo assicurare il giusto ricambio d’aria. Questo può essere ottenuto con un impianto di aria primaria (uno per la cucina e uno per la sala) da integrare all’impianto di condizionamento: in questo modo, verrà immessa aria esterna di rinnovo, passaggio essenziale per migliorare l’Indoor Air Quality e garantire un ambiente salubre agli ospiti e ai dipendenti.

In alternativa all’impianto di aria primaria tradizionale, costituito dall’unità di trattamento aria, si può utilizzare ZEPHIR3 di Clivet, sistema a pompa di calore che, oltre a rendere più semplice l’installazione, riduce i costi energetici. Questa proposta è conveniente perchè ZEPHIR3 produce da sola il carico termico che serve per l’aria primaria: ciò significa che vengono eliminati i collegamenti con la centrale termica e frigorifera, semplificando l’installazione, e che le loro dimensioni possono essere ridotte, conseguendo un risparmio energetico.

Non dimentichiamo che una gestione ottimale dell’impianto di climatizzazione per ridurre il rischio di contagio da Covid-19 prevede proprio un aumento della portata d’aria di rinnovo, come spieghiamo nell’articolo dedicato al rapporto tra condizionatori e Coronavirus.

 

Come climatizzare un negozio: i consigli di MLGroup

Se gestisci un’attività commerciale saprai che un ambiente confortevole è molto importante per fa sì che il cliente si senta a suo agio e che resti nel punto vendita più a lungo. Così come per i ristoranti, quindi, l’impianto di climatizzazione gioca un ruolo di primo piano.

Per quanto riguarda la gestione del condizionatore di un negozio in estate, così come nei ristoranti, sarebbe bene impostare una temperatura non inferiore ai 26°C, con umidità relativa pari al 50%; per l’inverno, invece, si raccomanda una temperatura intorno ai 20°C con il 40% di umidità relativa.

 

Dal condizionatore a parete all’impianto canalizzato: la climatizzazione per un negozio

Le soluzioni possono cambiare a seconda del negozio e delle nostre esigenze.
Una delle opzioni più pratiche ed economiche, adatta soprattutto agli esercizi commerciali più piccoli, sono sempre i tradizionali climatizzatori con unità a parete. Se gli ambienti da climatizzare sono più di uno, sarà possibile usare un impianto multisplit, dove a un’unica unità esterna corrispondono più unità interne.

Come per i ristoranti, un’alternativa al classico condizionatore a parete sono le unità interne a incasso, studiate per fondersi perfettamente con il design dei locali. Uno dei prodotti che consigliamo spesso è la Cassetta 360°, appartenente alla gamma VRF (DVM S) di Samsung: oltre ad assicurare un comfort elevato, si distingue per il suo design elegante, dalla forma circolare.

C’è poi la gamma WindFree™, sempre di Samsung, un prodotto innovativo perché, grazie alla sua particolare tecnologia, diffonde il fresco in modo uniforme: una soluzione perfetta per far sì che i clienti si godano lo shopping al fresco, senza subire il fastidio dei getti d’aria fredda. Inoltre, per quanto riguarda le unità interne, la linea WindFree™ offre diverse opzioni.

Anche per i negozi c’è la possibilità di installare un impianto di condizionamento canalizzato, che consente di climatizzare più ambienti contemporaneamente. Questo sistema presenta il vantaggio di essere invisibile, in quanto la canalizzazione viene inserita all’interno di un controsoffitto, mentre l’aria esce da apposite bocchette o feritoie. Come già accennato, dato che si tratta di un intervento più invasivo, solitamente viene indicato per le nuove costruzioni o le ristrutturazioni.

Per quanto riguarda il ricambio d’aria, invece, aspetto fondamentale anche per un negozio, si può optare per la Ventilazione Meccanica Controllata.

 

Lame d’aria in abbinamento all’impianto di climatizzazione

Per mantenere la giusta temperatura, può essere necessario abbinare al condizionatore per negozio delle lame d’aria, dette anche “barriere d’aria”.
Le lame d’aria sono utili nei locali dove le porte si aprono di frequente, per far entrare e uscire le persone, oppure quando le porte d’ingresso sono costantemente aperte. La loro funzione, infatti, è proprio quella di seprarare il clima del locale con quello presente all’esterno.

Installate in prossimità della porta d’ingresso, le barriere d’aria fanno sì che il clima nel negozio non si alteri e che, di conseguenza, non ci sia un sovraccarico di lavoro dei climatizzatori che, altrimenti, sprecherebbero più energia per ristabilire la temperatura desiderata.

MLGroup propone le barriere d’aria MELTEMI SABIANA, progettate in tre varianti, a seconda dell’altezza di installazione, e anche in versione da incasso. Si tratta di una soluzione molto flessibile: queste lame d’aria, infatti, possono essere unite fra loro per costituire una barriera di lunghezza maggiore, in caso di porte di ampie dimensioni.

Ti serve una consulenza mirata per progettare l’impianto di climatizzazione del tuo negozio o ristorante? Contatta MLGroup! Oltre a fornirti supporto durante la scelta del prodotto, ti garantiremo una costante assistenza e manutenzione, aspetto fondamentale per assicurare l’efficienza del sistema e la salubrità degli ambienti climatizzati.

L'autore

  • Paolo Capelli

    Paolo Capelli

    Socio di tutte le società del Gruppo (Martignoni & Leardini, Clima System, Clima Service, Polycalor, Clima Acque) – è direttore tecnico di Clima System Srl, segue la consulenza ai più importanti studi di progettazione, gestisce l’innovazione tecnologica da utilizzare per migliorare i prodotti proposti dal gruppo, cura i rapporti con gli uffici tecnici delle Aziende rappresentate proviene da una importante esperienza professionale nel settore del trattamento aria dove ricopriva il ruolo di responsabile tecnico e progettista meccanico.

Chiamaci subito!

  • Chiamaci al numero 0541.309311 .

    Se desideri ricevere maggiori informazioni sui servizi di ML Group e scoprire i vantaggi che puoi ottenere affidandoti ai nostri professionisti, chiamaci subito!

Contattaci.

Se desideri ricevere maggiori informazioni non esitare a contattarci